Avant-garde

Hypnosis Display

Hypnosis Display (2014) – Paul Clipson   ⇒ English version at the bottom

Hypnosis Display, primo e unico lungometraggio di Paul Clipson, è un’opera estremamente ardua da analizzare, quasi indicibile. Tale ineffabilità, sia chiaro, non è dovuta all’asetticità del contenuto, ma al contrario, a una sua un’abbondanza, a un sovraccarico di informazioni visive che con la loro potenza tramortiscono lo spettatore conducendolo in uno stato di annichilamento estatico, di ipnosi da sogno. Questo assoggettamento visivo, se da un lato si mostra estenuante, dall’altro ridesta la mente, rafforza l’anima e scuote il corpo segnando in modo definitivo l’esistenza dello spettatore. Non si può rimanere indifferenti a Hypnosis Display, è un’opera che penetra in profondità nello spettatore, che tocca gli angoli più remoti della persona. Hypnosis Display va oltre ogni concezione di cinema pensata fino ad ora, ancorato a schemi e rappresentazioni precostituite: è rivoluzione cinematografica, distruzione e costruzione, rifondazione, libertà espressiva. Puro immaginario.

Ciò a cui assistiamo è un atto creativo.

Clipson dipinge la realtà, la nostra realtà, e lo fa ripercorrendo i sentieri primordiali che l’hanno edificata. Mostra per prime enormi distese d’acqua che si riversano su se stesse, rappresentazione della natura nella sua essenza più pura e originaria, potenza distruttiva e costitutiva. Continua poi, in primo piano, con gocce d’acqua sulle foglie, spostando rapidamente lo sguardo sui dettagli della vita vegetale, costituita da fiori, alberi e interi boschi, nella freschezza prima e decomposizione poi: la natura nell’atto di vivere e di esistere. Progressivamente all’ambientazione naturale si sostituisce quella artificiale. L’occhio filmico di Clipson si posa sulle costruzioni architettoniche, dalle scale ai ponti, fino a quelli più complessi come grattacieli mastodontici, che in tutta la loro perfezione geometrica tendono in alto, verso l’infinito del cielo. L’ambientazione urbanistica si fa sempre più preponderante, alla skyline interminabile si sovrappongono ingorghi stradali, pali dell’elettricità, rotaie, lampioni e strade. In questa danza osmotica di immagini metropolitane si intravedono figure umane che appaiono come ombre, presenze spettrali indefinite, che si muovono e si sfiorano in un ambiente imprigionante, opprimente. Allora non resta che fuggire per riacquistare la vitalità soppressa da una pienezza asettica che annichilisce. Questo è ciò che fa la ragazza (figura femminile presente anche in altre opere del regista come espressione della natura e della vita): evadere. Ella si allontana da una realtà urbana svuotata da un affollamento di non vita e si dirige in una spiaggia, lasciandosi trasportare dal richiamo vitale del mare e dalla luce salvifica del sole che irradia ogni cosa, risplende e trasfonde forza. Così, la ragazza riprende consistenza, gli occhi riacquistano la vi(s)ta, le labbra il colore, le mani il candore, i capelli la lucentezza.

Un processo di rinascita che fluisce attraverso una serie incessante di sovrapposizioni di immagini che in una dinamicità perturbante risucchiano magneticamente lo spettatore all’interno del film, rendendolo parte integrante dell’opera. Visioni eteree ripercorrono i sentieri della memoria, ridestano i ricordi della vita passata che la mente ha fissato nel profondo, in modo da innescare quell’emozione del nostalgico che produce la sensazione di essere bloccati in un momento eterno, tra il ricordo e il sogno. Una catarsi mnemonica. Uno stream of consciousness visivo. La cinepresa diviene l’estensione materiale dei sensi tramite la quale percepire e cogliere la realtà così come appare nei sogni, ricordi ed emozioni. Frammenti di un’esistenza remota emergono dalle profondità dell’inconscio in un perenne rammemorare attraverso uno sfarfallio di immagini, che si susseguono in una realtà metropolitana finalmente (ri)accesa dalle luci notturne delle automobili e dalle insegne luminose, per poi accartocciarsi su stesse fino ad implodere in un finale liberatorio che riporta alla distesa d’acqua primordiale, ora pacificata, da cui tutto ha avuto inizio.

Hypnosis Display è un’opera immaginifica che ridefinisce la grammatica filmica, riscrive il linguaggio cinematografico, così come concepito, divenendo fondante per il cinema. Esso segna il raggiungimento di tutto ciò a cui il cinema aspira e deve tendere nella sua essenza ontologica. Un punto fermo da cui partire.

Voto: ★★★★★

English version
(altro…)

Annunci

Top 50 Favorite Avant-garde Films

  1. Hypnosis Display – Paul Clipson

HD11

2. Central Bazaar – Stephen Dwoskin

vlcsnap-2017-03-26-defffff2

3. Trailers– Rouzbeh Rashidi

trailers ross.jpg

4. Persona – Ingmar Bergman

18010516_1272648746166815_460474579147207096_n

5. Dyn Amo – Stephen Dwoskin

dyn amo

6. Sans Soleil – Chris Marker

bambine

7. ‘Rameau’s Nephew’ by Diderot (Thanx to Dennis Young) by Wilma Schoen – Michael Snow

vlcsnap-2017-03-29-20h19m17s577

8. Atlas – Antoine d’Agata

atlas-02

9. Un lac – Philippe Grandrieux

un-lac

10. As I Was Moving Ahead Occasionally I Saw Brief Glimpses of Beauty – Jonas Mekas

vlcsnap-2017-04-27-21h40m22s136.png

11. At Sea – Peter Hutton

vlcsnap-2017-03-07-23h21m43s041

12. Jeanne Dielman, 23, quai du Commerce, 1080 Bruxelles – Chantal Akerman

jeandielman-1600x900-c-default

13.  TheHouse – Šarūnas Bartas

vlcsnap-2017-02-21-19h59m30s386

14. Geistzeit – Sector 16

vlcsnap-2017-03-22-22h17m19s679

15. Night Awake – Sandy Ding

sandy ding (2)

16. The Mirror – Andrej Tarkovskij

18119049_1272649059500117_1865376721084253602_n

17. La Vie Nouvelle – Philippe Grandrieux

lvn4

18. A Spell to Ward Off the Darkness – Ben Rivers, Ben Russell

10170738.0

19. Le Joli Mai – Chris Marker

vlcsnap-2017-04-05-19h08m03s072 (2)

20. The World – Takashi Makino

vlcsnap-2017-02-15-16h42m57s967

21. Walden – Jonas Mekas

vlcsnap-2017-03-12-13h03m00s803

22. The Sun and the Moon – Stephen Dwoskin

266_2048x1152

23. Funeral Parade of Roses – Toshio Matsumoto

funeralbath1

24. Ten Years in the Sun – Rouzbeh Rashidi

vlcsnap-2017-02-03-00h17m42s689

25. Death and Devil – Stephrn Dwoskin

vlcsnap-2017-02-12-12h52m55s337.png

26. HSP: There Is No Escape From The Terrors Of The Mind – Rouzbeh Rashidi

vlcsnap-2016-12-29-16h31m15s968

27. The Hart of London –  Jack Chambers

CHAMBERS_BRAKHAGE.jpg

28. The Earth Still Moves –  Pablo Chavarría Gutiérrez

vlcsnap-2017-03-01-23h03m03s990

29. The Letters – Pablo Chavarría Gutiérrez

Pablo Chavarría Gutiérrez Las letras 13.png

30. Immanence Decostruction of Us – Rouzbeh Rashidi

vlcsnap-2017-04-04-21h32m10s351.png

31. Les Rendez-vous d’Anna – Chantal Akerman

18119371_1272656742832682_6693633534747876077_n

32. A Married Woman –  Jean-Luc Godard

maxresdefault (1).jpg

33. Three Landscape – Peter Hutton

18034361_1272656896166000_579606936570213550_n

34. He – Rouzbeh Rashidi

vlcsnap-2017-03-01-21h36m32s177

35. Ashes and Snow – Gregory Colbert

322052153_1280x720

36. A Harbour Town – Dean Kavanagh

A-Harbour-Town

37. Tenebrous City & Ill-Lighted Mortals – Rouzbeh Rashidi

vlcsnap-2017-04-04-23h15m10s847

38. The Sky Trembles and the Earth Is Afraid and the Two Eyes Are Not Brothers – Ben Rivers

26257

39. Uncle Boonmee Who Can Recall His Past Lives – Apichatpong Weerasethakul

18076470_1272727279492295_8215974498940735213_o

40. Enter the Void – Gaspar Noè

still2

41. La Jetèe –  Chris Marker

vlcsnap-2016-10-23-20h54m11s360

42. Syndromes and a Century – Apichatpong Weerasethakul

18077115_1272727309492292_3301152869462930952_o

43. White Epilepsy – Philippe Grandrieux

18077065_1272727326158957_1439573402287624753_o

44. Drifting Cities – Michael Higgins

vlcsnap-2017-04-19-20h11m43s067

45. L’éden et après – Alain Robbe-Grillet

01-103

46. The Holy Mountain – Alejandro Jodorowsky

2011_Holy-Mountain

47. Big Bang Love, Juvenile A – Takashi Miike

images-w1400

48. Presents – Michael Sno

michaelsnowpresents1png7dt

49. Stone Boat Exhausted – Michael Higgins

18056885_1272677206163969_3620775526785556369_n

50. Adieu au langage – Jean-Luc Godard

adieu

Geistzeit

Geistzeit (2012) – Sector 16 ⇒ English version at the bottom

Geistzeit, tradotto “Il tempo dello spirito”, sembra risentire fortemente dell’influenza dalla “Filosofia dello Spirito” di Hegel. I Sector 16, infatti, così come il filosofo tedesco che pone alla base della sua opera la triade costituita da spirito soggettivo, oggettivo e assoluto, danno vita a un film dalla struttura tripartita in cui descrivono il processo di individuazione e autocoscienza dello spirito che si incarna nella figura di bambino, adulto e mentore.

Il film si rivela essere la rappresentazione del viaggio che ogni individuo deve intraprendere, partendo dalla propria interiorità, per identificare le manifestazioni attraverso cui lo spirito avanza progressivamente: dalle forme più semplici e immediate di conoscenza si eleva a quelle più generali e complesse fino a raggiungere il vero sapere assoluto, in cui, mediante la piena esperienza di sé stesso, giunge alla conoscenza di ciò che è in sé stesso e per sé stesso.

Un itinerario ascendentale che prende forma a partire dalla prima sequenza: un pendio di una montagna ricoperta di neve si erge maestoso davanti ai nostri occhi, come un muro invalicabile, un ostacolo alla conoscenza; un bambino, figurazione della prima tappa formativa verso l’autocoscienza dello spirito, è intento a scalare tale “muro dell’ignoranza” e, con molta fatica, riesce a raggiungerne la sommità. Qui, dopo aver scavato una buca, vi si getta dentro, dando inizio a un vero e proprio processo di materializzazione dello spirito che, come nella più antica accezione, si manifesta nelle sembianze di un soffio animatore, una coltre di fumo, che avvolge tutta la realtà.

La figura del bambino cede allora il posto a quella dell’adulto, che emerge dalla coltre nebulosa che inarrestabile si propaga dappertutto, sommergendo ogni cosa. L’uomo, dalle fattezze deformi simili a quelle di un primitivo, manifestazione esteriore dell’ignoranza interiore, sembra alla ricerca di qualcosa e riempie un’anfora con l’acqua e la sostanza gassosa, come se stesse attingendo alla fonte della conoscenza necessaria per progredire, per comprendere e comprendersi. Un processo conoscitivo che si concretizza in una lenta discesa lungo una gradinata tonante in una camera avvolta nell’oscurità, rischiarata da una flebile luce soffusa. È un luogo di apprendimento, meditazione ed elevazione che conduce l’uomo in una dimensione che trascende la realtà, svelata attraverso uno sfarfallio di immagini immerse in tonalità di blu e rossi. Si giunge, infine, alla terza figura, meta ultima del processo gnoseologico: il mentore.

L’ambientazione in continua metamorfosi rispecchia la condizione dell’uomo che si eleva spiritualmente, fino all’autocoscienza: a paesaggi spogli, caratterizzati da distruzione, seguono, al progredire dello spirito, quelli naturali, ricolmi di una vegetazione rigogliosa e sorgenti e corsi d’acqua, espressioni di vita. Lo spirito si manifesta come principio vitale, animatore e anima del mondo, che crea e genera gli elementi stessi attraverso cui è possibile raggiungerlo, ovvero la realtà immediatamente percepibile, che costituisce la base di tutto il procedimento conoscitivo. Il contenuto è fautore del contenitore in cui risiede e attraverso cui si esprime.

I Sector 16 compiono un’operazione sbalorditiva: servendosi di un linguaggio sperimentale riescono a creare un’opera profondamente immersiva ed esoterica improntata a una ricerca introspettiva e allo stesso tempo universale che mira a divenire fondante per il mezzo filmico.

Voto: ★★★★★

English version

(altro…)